Delitto sull'autostrada

Schede primarie

Ritratto di Io e Annie
Voti totali: 146

L'omicidio di un camionista avvenuto sull'autostrada A1 nei pressi di Roma mette in allarme la polizia che affida le indagini all'ispettore Giraldi. Infiltratosi nell'ambiente dei camionisti con il falso nome di Luigi Rossi, Giraldi riesce a scoprire il movente dell'omicidio del camionista, ucciso dai membri di una banda criminale perché aveva preso il posto del fratello ignaro del fatto che l'altro era sceso a patti con la banda. Giraldi in un primo momento non riesce a scoprire il nome dei membri della banda perché il camionista, ricoverato ad un ospedale di Orvieto, viene ucciso da alcuni sicari della banda che, camuffati da medici, avevano mandato via Giraldi con la scusa che l'orario di visita all'ospedale era terminato.

Durante i viaggi in camion Giraldi fa la conoscenza dell'aspirante cantante Anna Danti, con la quale inizia subito una relazione extraconiugale. Inoltre la coppia viene invitata dal camionista Andrea Carboni, in possesso di una villa con giardino. Giraldi, rimasto nel frattempo senza soldi, prossimo ad una probabile separazione dalla moglie, ed insospettitosi dei beni in possesso di Carboni, decide di infiltrarsi direttamente nell'organizzazione facendo finta di scendere a patti con la banda dei TIR.

Così facendo Giraldi riesce ad arrivare all'organizzazione della banda senza però scoprire chi è il capo: la copertura salta però subito quando Rocky, il figlio dell'ispettore Giraldi, mostra al signor Tarquini (padre di un suo compagno di scuola e capo della banda criminale) una foto che ritrae il padre ballare con Anna. La banda tenta di uccidere Giraldi nel capannone dove vengono scaricati i camion rubati, ma viene fermata dall'intervento della squadra di pugili allenati da Venticello. Nella confusione Carboni riesce a fuggire e a contattare il capo, ma viene immediatamente rintracciato da Giraldi, che arriva fino ad un elicottero guidato dallo stesso Tarquini: dopo un breve combattimento all'interno del velivolo Giraldi riesce a neutralizzare il criminale sgominando l'intera banda.

Il film è uno dei più classici esempi di “poliziottesco comico” in voga tra la fine degli anni 70 e la prima metà degli 80. Questo filone deve intendersi come l’ennesima rielaborazione del “poliziottesco” vero e proprio entrato in crisi nell’ultimo scorcio dei seventies. Con meno sparatorie, meno violenza, più comicità.
Nel film è presente, ovviamente, anche il celebre Bombolo – attore naturale – che inscenerà col grande Milian dei siparietti fatti di schiaffoni e battute sempre divertenti da vedere.
Delitto sull’autostrada è un classico degli anni '80, condito da spensieratezza e da una comicità facile che però fa ancora tanti proseliti capace di differenziarsi anni luce dall’attuale tristezza che caratterizza il cinema italiano.

Regista: 
Anno di Produzione: 

Scene del Film

Voto Titolo Descrizione Video
Voti totali: 302
Delitto sull'autostrada

Vestito sempre peggio, armato di cazzottoni e battute sentenza, stavolta Nico appare in volo per sgominare una banda di ladri insieme all'impareggiabile Bombolo

Embedded thumbnail for Delitto sull'autostrada
Voti totali: 285
Delitto sull'autostrada

Una gran collection di schiaffoni di Tomas Milian per il povero Bombolo in Delitto sull'autostrada

Embedded thumbnail for Delitto sull'autostrada

Recensioni del Film

Titolo Immagine Utente Recensione
Delitto sull'autostrada Io e Annie

L'omicidio di un camionista avvenuto sull'autostrada A1 nei pressi di Roma mette in allarme la...