giovedì 17 maggio 2018

Godzilla Contro I Robot



Nell'isola di Okinawa viene trovata la statua sacra del re Caesar, dove vi è inciso una terribile profezia sull'avvento dei mostri sul nostro pianeta. Dalle nubi fa la sua comparsa Godzilla che attacca il Giappone iniziando un epocale battaglia con Angilas, compagno di mille battaglie di Godzilla. La folla stupita si chiede il perché di questo cambiamento, ma perché il buon Godzilla ha deciso di attaccarci, ma non era nostro amico???

Ma un secondo Godzilla, inizia a combattere con il primo, svelando così l'arcano misfatto: è Mechagodzilla, enorme automa travestito da Godzilla costruito da una civiltà aliena per conquistare la Terra.
Godzilla, preistorico lucertolone, è diventato amico degli umani e sorge a salvare Tokio dalla terribile minaccia di Mechagodzilla, un clone bionico, creato da perfidi scimmioni alieni.
Purtroppo il “cattivone” ha la peggio e viene danneggiato, così gli alieni per ripararlo, rapiscono uno scienziato con sua figlia, che minacceranno di uccidere se l'uomo non riparerà il mostro meccanico.
Riparato MechaGodzilla e revisionato a puntino, siamo pronti per una nuova battaglia, tuttavia a dare man forte al povero Godzilla spunta King Caesar, divinità protettrice del popolo Izumi.
I due mostri attaccano MechaGodzilla e in questo scontro finale, Godzilla tiene fermo il robot e il cane divinità lo pesta di brutto. Musichette divertenti, raggi laser e fulmini fanno da coreografia al epocale combattimento che finirà nella decapitazione del cattivone.
In questo delirio, tra attori ingabbiati in enormi pupazzi con il solo scopo di distruggere i posticci plastici made in Japan e patetici alieni, così inetti da non saper aggiustare le loro cose (un assemblato con scatoloni e carta stagnola) spiccano la presenza dei personaggi umani: un professorone, unico capace di riparare il robot alieno, e la figlia stupida; da non dimenticare i nipoti cerebrolesi e l'Interpol armata di fucilini e pistoline.
Un film trash da non perdere! Se ne consiglia la visione accompagnati da popcorn e litro di Coca-cola...

Nessun commento:

Posta un commento